Magazine dedicato al mondo del manifatturiero, un raccoglitore culturale poliedrico ed eclettico, un osservatorio efficace per mettere a fuoco i nuovi cambiamenti economici che si prospettano all’orizzonte.

Luglio 2022

IFP Europe, cuore e numeri

Intervista a Giacomo Sabbadin

Amministratore Delegato di IFP Europe

Quali sono stati i “Fattori di crescita” di IFP, un’azienda del Nordest?
Un’azienda in espansione punta sulla continua ricerca per arrivare ad una tecnologia avanzata. Questo è stato un punto fermo sin dalla fondazione di IFP. Il nostro prodotto è sempre stato fonte d’ispirazione per raggiungere un prodotto migliore. Siamo presenti in 28 paesi oltre all’Italia. Progettiamo, realizziamo e distribuiamo una media di 150 impianti all’anno in tutto il mondo. Ogni macchina è costituita da circa 4mila pezzi assemblati. Ma dietro ai numeri ci sono sempre le persone. Siamo un team, le nostre idee girano e diventano impianti per lavare i metalli.

Abbiamo parlato di pezzi assemblati: che cosa richiede “stare sul pezzo”?
Impegno, costanza e determinazione. IFP in questi 10 anni si è evoluta costantemente, come costante è stato il nostro impegno. Il nostro portafoglio clienti è in crescita, abbiamo depositato un brevetto con l’Università di Padova e ci siamo concentrati su alcuni studi per migliorare le prestazioni dei nostri impianti orientati verso la sostenibilità, per non creare scarti e ridurre l’inquinamento.

Progettiamo macchine standard ma siamo in grado di creare impianti “personalizzati”, quello che ci chiede il cliente, sia nella parte tecnologica che nell’aspetto estetico della lavatrice, e ogni pezzo viene prodotto all’interno della nostra azienda.

C’è del bello dentro e fuori alle vostre lavatrici…
Abbiamo rivoluzionato il modo di progettare le macchine industriali per il lavaggio del metallo unendo le caratteristiche tecniche del prodotto ai valori di un’attenta progettazione estetica, ergonomica e funzionale. Il design entrato nell’azienda praticamente fin dalla fondazione. Abbiamo dato un aspetto all’alta tecnologia.

In quale direzione sta andando IFP?
Verso l’Europa, verso il mondo. Attualmente il 70% della nostra produzione resta in Italia ma puntiamo sullo sviluppo del mercato estero e ad aumentare la nostra capacità produttiva per far fronte alle richieste in crescita. Anche per questa ragione IFP è entrata in B. group, un pool di imprenditori di consolidata esperienza industriale, l’internazionalizzazione è uno dei nostri grandi obiettivi.